Perchè i nostri bimbi possano aspettare con gioia anche l'alba,non più solo il tramonto, perchè il sole... ci scaldi il cuore!
OCCHIOALSOLE ONLUS Codice Fiscale 94121030483
Faccio collezioni di attimi..

A mio figlio

Se potessi ruberei i raggi del sole per illuminare la tua vita.
Se potessi soffierei sulle nuvole perchè tu non debba mai incontrare nessuna tormenta.
Se potessi metterei in un sacco tutte le stelle, perchè tu le possa donare a chi amerai.
Se potessi riempirei il letto di ogni fiume, perchè non ti sia chiesto il sacrificio di nessuna lacrima.
Se potessi coprirei la tua strada di fiori, per rendere il tuo cammino ricco di colori e profumi meravigliosi.
Ma ti ho dato la vita..e tutto quel che posso è starti sempre accanto, ovunque vorrai andare e qualsiasi scelta farai..


Mamma

Fai un clic sull'immagine!

Fai un clic sull'immagine!
Il mio bimbo ed i treni!

Domani in gita!!


Già..domani Fischietto,farà una gita..non una gita a pochi chilometri da casa,ma andrà più lontano di quanto mai lontano sia andato da solo!!



Ci hanno fornito di un elenco delle poche cose che dovranno portarsi..ma a dire il vero mi sembra che il 99% delle cose indispensabili manchi!!
Faccio a mente l'elenco delle 100 altre cose che gli metterei nel piccolo zainetto,
da non riuscire poi a sollevarlo
e poi...
mi soffremo e penso,
che quelle 100 cose in realtà "sarei IO!"
Ma,anche se ci provassi,non ci starei...
Comunque sul tavolo ho distribuito tutto ciò che ritengo necessario..
sembra un campo di battaglia..
Infilo nello zaino,lo peso ed è troppo..
allora tolgo questo e metto quest'altro..
mi viene da piangere...
Lo immagino in giro per questo parco..di spalle,
piccolo com'è,con questo zainetto..
con tutti gl'altri
piccoli come lui
e sento una morsa al cuore!
Buon viaggio piccolino..
divertiti..sono certa che hai tutto con te,
i tuoi amici e le tue maestre!

Aspetto che torni..così mi racconterai


il tuo primo viaggio da solo!
Il primo....di tanti!
Ti ho fatto le ali,piccolo..
adesso inizia a volare...




Noi siamo loro..loro saranno noi!

Scriviamo per loro,
giorno dopo giorno,
i versi più belli..
per rendere la loro vita
una poesia meravigliosa!
Giulia



Grazie a joiyce

Le Donne come me...


Quelle come me amano l'amore
amano con tutto ciò che hanno
come fiori che si aprono al primo sole
e si offronto interamente trasparenti.


Quelle come me sanno aspettare ..sanno ascoltare.

Quelle come me restano da sole,
quelli a cui avresti messo il cuore tra le mani,senza volerlo,se ne vanno.
E tu resti da sola.


Quelle come me,che parlano senza parlare,
che ti guardano e ti lasciano la foto dentro al cuore.
Son donne fuori moda ,sanno fare tante cose ,
o forse nulla ,e sanno volersi bene poco …
Ma a te,se l’incontri ,
te ne vorranno fino in fondo,
come solo loro sanno fare.


Quelle come me si sdraiano in un prato a pancia in sù
e guardano l'immensità del cielo..
la dolcezza delle bianche nuvole,
colgono realtà nella fantasia.


Quelle come me sprofondano nell'intensità del colore di un fiore,
cantano a squarciagola finchè musica ed emozioni diventano una cosa sola.


Quelle come me amano a voce bassa,
sussurrano parole d'amore..sincere..che vengon dal cuore.


Quelle come me ascoltano il suono delle lacrime che scivolano.


Quelle come me raccolgono i cocci di un vaso rotto e
con pazienza lo aggiustano pur rischiando di ferirsi.


Quelle come me sono come formiche..
sempre presenti se le cerchi,
sono piccole quasi prive di armi ma trasportano briciole grandi.


Quelle come me san fare un po' tutto, un po' niente..
sentono,percepiscono,ogni singolo impalpabile mutamento.


Quelle come come sanno farsi male,sanno non amarsi..
sanno fare un passo indietro,
e morire dentro.


Quelle come me in punta di piedi come sono arrivate
così, in silenzio si sanno allontanare dall’amore
soffrendo per lasciare spazio..piangendo per ridare sorrisi.


Quelle come me restano sempre con il cuore in mano.

Quelle come me sorridono anche con un cumulo di pensieri aggrovigliati nel cuore.


Quelle come me se ci parli hanno le parole incerte,
la voce che trema di una vibrazione che se fosse fiume in piena ti travolgerebbe.


Quelle come me sorridono e arrossiscono se le chiami e dici il loro nome.


Quelle come me si arrabbiano,
urlano,
non si convincono quando le sfiori con il fiore dell'ingiustizia.


Quelle come me hanno le mani che vogliono comunicare cio' che si agita tra i pensieri e l'anima..
e creano,
costruiscono,dipingono,cominicano
e ricominciano ogni volta!


Quelle come me stanno in silenzio
regalano sogni, anche a costo di rimanerne prive…
donano l’Anima,
perché un’anima da sola è come una goccia d’acqua nel deserto..

Quelle come me tendono la mano ed aiutano a rialzarsi,
pur correndo il rischio di cadere a loro volta..


Quelle come me guardano avanti,
anche se il cuore rimane sempre qualche passo indietro..

Quelle come me cercano un senso all’esistere e,
quando lo trovano,
tentano d’insegnarlo a chi sta solo sopravvivendo..


Quelle come me quando amano,amano per sempre..e
quando smettono d’amare
è solo perché piccoli frammenti di essere giacciono inermi nelle mani della vita..


Quelle come me inseguono un sogno..
quello di essere amate per ciò che sono e non per ciò che si vorrebbe fossero..


Quelle come me sono tante, ma la maggior parte preferisce nascondersi..
perché il dolore che si prova,quando si è così,
è talmente tanto grande che contenerlo in un solo cuore è impossibile..


Quelle come me girano il mondo alla ricerca di quei valori che, ormai, sono caduti nel
dimenticatoio dell’anima..


Quelle come me vorrebbero cambiare,
ma il farlo comporterebbe nascere di nuovo..


Quelle come me urlano in silenzio, perché la loro voce non si confonda con le lacrime..


Quelle come me sono quelle cui tu riesci sempre a spezzare il cuore,
perché sai che ti lasceranno andare,senza chiederti nulla..


Quelle come me amano troppo,
pur sapendo che, in cambio, non riceveranno altro che briciole..


Quelle come me si cibano di quel poco e su di esso, purtroppo, fondano la loro esistenza..

Quelle come me passano innosservate,
ma sono le uniche che ti ameranno davvero..

Quelle come me sono quelle che,
nell’autunno della tua vita,
rimpiangerai per tutto ciò che avrebbero potuto darti e che tu non hai voluto..
troppo preso dalla superficie e timoroso di esplorare il fondo..

Quelle come me si nascondono le verità che fanno male e

si convincono che ci sia sempre un motivo per cui valga la pena restare..(Giulia)

Quelle come me...che sorridono sempre alla Vita...

donne come me che fanno scivolare lacrime nel cuore...

perchè lì nessuno le vede. (Vania)

Quelle come me... come noi che sanno ancora cosa è un pensiero bambino.

Perchè non hanno mai dimenticato cosa è essere bambini

in un mondo di adulti troppo cresciuti. (Rosy)

Quelle come me hanno tante cose da intraprendere e

devono battersi, per dimostrare che

dentro il loro corpo c'è un'intelligenza che chiede d'essere ascoltata.(Paola)

Quelle come me.. che assomigliano a te ed in te si rispecchiano.(Emme)

Scritto a più mani...

il...POST...Brunetta!


Dagl'arresti domiciliari alla libertà vigilata per noi dipendenti pubblici.
In sintesi,poi sul web trovate più informazioni,la visita fiscale dovrebbe
essere inviata nell'arco di pochi giorni dall'invio del certificato medico.
Il medico fiscale accerta la patologia e conferma la malattia...
Poi, ovviamente a seconda della patologia, ci si può allontanare
dal proprio domicilio senza giustificazione.
Ovvio che se la patologia si protrae per l'inadeguata cura,se ne possono pagare
le conseguenze anche economiche!Di contro se il medico ritiene forzatamente
necessaria la domiciliazione e questo comporta un peggioramento dello stato
morboso della persona,si parla addirittura di mobbing!
SINTESI DELLA SINTESI

Se si ha una bronchite si stà a casa,se si ha un arto gessato,si può uscire...Peccato dover aver speso altri soldi per cose così ovvie!

Sentenza 1942/90 del 2008 della Suprema Corte di Cassazione.






Come far durare un amore...


Una mamma e un bambino stanno camminando sulla spiaggia.
Ad un certo punto il bambino chiede:
"Mamma,come si fa a mantenere un amore?"
La mamma guarda il figlio e poi gli risponde:
"Raccogli un po' di sabbia e stringi il pugno..."
Il bambino stringe la mano attorno alla sabbia e vede che più stringe piu' la sabbia gli esce dalla mano.
"Mamma, ma la sabbia scappa!!!"
"Lo so, ora tieni la mano completamente aperta...
"Il bambino ubbidisce, ma una folata di vento porta via la sabbia rimanente.
"Anche cosi' non riesco a tenerla!"
La mamma sempre sorridendo:
"Adesso raccogline un altro po' e tienila nella mano aperta come se fosse un cucchiaio...abbastanza chiusa per custodirla e abbastanza aperta per la liberta'"
Il bambino riprova e la sabbia non sfugge dalla mano ed e' protetta dal vento.


Ecco come far durare un amore!

ImageChef.com - Custom comment codes for MySpace, Hi5, Friendster and more

Tu..come sarai?


Una figlia si lamentava con suo padre circa la sua vita e di come le cose le risultavano tanto difficili.

Non sapeva come fare per proseguire e credeva di darsi per vinta.

Era stanca di lottare.Sembrava che quando risolveva un problema, ne apparisse un altro.

Suo padre, uno chef di cucina, la portò nel suo posto di lavoro.

Lì riempì tre pentole con acqua e le pose sul fuoco.

Quando l'acqua delle tre pentole stava bollendo,

in una collocò alcune carote,

in un'altra collocò delle uova e

nell'ultima collocò dei grani di caffè.

Lasciò bollire l'acqua senza dire parola.

La figlia aspettò impazientemente, domandandosi cosa stesse facendo il padre....Dopo venti minuti il padre spense il fuoco.

Tirò fuori le carote e le collocò in un piatto.

Tirò fuori le uova e le collocò in un altro piatto.

Finalmente, colò il caffè e lo mise in una scodella.

Guardando sua figlia le disse: "Cara figlia mia, carote, uova o caffè?"

La fece avvicinare e le chiese che toccasse le carote, ella lo fece e notò che erano soffici;dopo le chiese di prendere un uovo e di romperlo, mentre lo tirava fuori dal guscio, osservò l'uovo sodo. Dopo le chiese che provasse a bere il caffè, ella sorrise mentre godeva del suo ricco aroma. Umilmente la figlia domandò: "Cosa significa questo, padre?"

Egli le spiegò che i tre elementi avevano affrontato la stessa avversità,

"a contatto con l'acqua bollente",
ma avevano reagito in maniera differente.

La carota arrivò all'acqua forte, dura, superba; ma dopo avere passato per l'acqua, bollendo era diventata debole, facile da disfare.

L'uovo era arrivato all'acqua fragile, il suo guscio fine proteggeva il suo interno molle,ma dopo essere stato in acqua, bollendo, il suo interno si era indurito.

Invece, i grani di caffè, erano unici: dopo essere stati in acqua, bollendo,avevano cambiato l'acqua."

Quale sei tu figlia?" le disse.

"Quando l'avversità suona alla tua porta; come rispondi?"

"Sei una carota che sembra forte ma quando i problemi ed il dolore ti toccano, diventi debole e perdi la tua forza?"

"Sei un uovo che comincia con un cuore malleabile e buono di spirito, ma che dopo una morte, una separazione, un licenziamento, un ostacolo durante il tragitto, diventa duro e rigido?Esternamente ti vedi uguale, ma dentro sei amareggiata ed aspra, con uno spirito ed un cuore indurito?"

"O sei come un grano di caffè? Il caffè cambia l'acqua, l'elemento che gli causa dolore. Quando l'acqua arriva al punto di ebollizione il caffè raggiunge il suo migliore sapore."


"Se sarai come il grano di caffè, quando le cose si metteranno al peggio, tu reagirai in forma positiva, senza lasciarti vincere, e farai si che le cose che ti succedono migliorino!"

Prime note di speranza,Anna...






Sento,nota per nota,
le tue parole..
Una musica nuova.
Note di dolore che
lasciano posto
a speranza e futuro..
Piano..ma forti..
Note leggere,
raccolte da chi ti ascolta..
e sostiene la tua musica
per aiutarla a prendere vita
ed a ricominciare!

Giulia







Scitto da MissKappa:

Sì,ieri si è compiuto un mese dal giorno della catastrofe.
Un mese di dolore durante il quale nessuna delle ferite che hanno squarciato corpi ed anime si è rimarginata. Le sofferenze sono ancora profonde,e laceranti, ma, nonostante tutto, si continua a vivere. Mio marito ed io abbiamo deciso di restare in città e, della cerchia di amici e conoscenti, siamo davvero tra i pochissimi. Molti hanno optato per gli alberghi messi a disposizione sulla costa, altri per le seconde case, altri ancora per l'ospitalità di parenti ed amici. Noi, da resistenti, restiamo sul campo. Ma abbiamo abbandonato la roulotte. Era invivibile. Da ieri sera dormiamo in un container. E non siamo più ad Arischia, ma a Fossa, nella zona industriale di Fossa. Su una piazzola asfaltata messa a disposizione da amici, terremotati anche loro, che non hanno, però, perso il lavoro. Quindi il nostro container è accanto a quelli che ospitano gli uffici, sono ingegneri, e disponiamo di elettricità ed acqua corrente. E di un bagno con doccia. Non è poco. Dopo un mese nell'accampamento degli amici allevatori, tutto questo ci appare un vero lusso. Il container misura dieci metri quadri. Poco, ma riesce ad ospitare un letto, un armadietto ed un tavolo. Anche un fornellino per il caffè. Abbiamo dovuto comprarlo il container, ché per Bertolaso saremmo nelle tende fino a data da definire. Fra dissenterie e pidocchi. E' costato 2.100 euro. E qui entrano in scena quanti di voi mi hanno dimostrato affetto e solidarietà inviando il danaro per l'acquisto del computer dal quale vi scrivo. Siete stati numerosi e generosi. Marina mi ha rimesso la somma di 1.775 euro,che è quella residua dopo l'acquisto del pc. Voi, amici cari, mi avete regalato anche questo container. Questo piccolo spazio dal quale ripartire per rinascere a nuova vita. Grazie per la generosità che, in questo momento, ci risulta davvero preziosa. Appena potrò, pubblicherò delle foto del vostro regalo. Sapete, ieri sera, mettendoci a letto, in una parvenza di normalità, Peppe ed io, per la prima volta dal disastro, siamo riusciti ad azzardare una bozza di ipotesi del nostro futuro. Fino a ieri tutto ci pareva ancora irreale.E ingestibile.Ma di questo vi parlerò in un altro post.


In coda,questa,ad oggi..ad ora..mentre scrivo,l'unica triste amara nota...



Non dovrebbe esser così..
non credo e non voglio
aggiungere altro!

Questa poi................

Quando siamo al computer,il mouse che adoperiamo ci permette di far muovere una freccetta(nella maggior parte dei casi,poi qualcuno si è personalizzato la freccetta!),detta tecnicamente cursore..
Costei,scivola da un argomento all'altro,evidenzia i link,ci permette di aprire finestre...insomma questa freccetta la facciamo lavorare davvero tanto,tantissimo,molto,moltissimo...
Ma chi si nasconde dietro questa freccia???




Clicca sull'immagine sottostante...
aspetta un attimo...
poi muovi il tuo cursore..





Giulia

!!!!ibrevorP


Can che abbaia fa casino
Chi fa da se' fa piu' fatica
Chi la fa tiri la catena
Chi dorme non piglia sonniferi
Il riso abbonda sulla bocca dei cinesi
Gallina vecchia prima o poi muore
Chi di spada ferisce gli danno 14 anni senza condizionale
Non c'e' peggior sordo di chi non sente
Chi va con lo zoppo va piano piano
Chi va piano arriva dopo
Occhio per occhio occhio al quadrato
Il lupo perde il pelo e diventa calvo
Ride bene chi ha i denti
Occhio non vede, ci servono gli occhiali
Una mano e' uguale all'altra
Chi va piano va sano e viene tamponato poco lontano (Marcello Marchesi).
Una mano lava l'altra e tutte e due rubano
Chi trova un tesoro trova un amico
Il mondo e' bello perche' e' avariato
La lingua batte dove il clito ride
Chi lascia la strada vecchia per la nuova arriva prima perche' e' asfaltata
Mogli e buoi, sempre corna sono
Se son rose sfioriranno
Chi s'inferma e' perduto
Una mela al giorno toglie un medico di torno e una mela ogni sei ore toglie quattro medici?
Chi la fa, l'aspetti. Chi non la fa, si purghi
Chi dorme non piglia l'Aids
E' piu' facile per un cammello passare per la cruna di un ago se questa e' lievemente oliata. (Kehlog Albran)
La miglior difesa e' l'assenza. (Ira)
Non e' bello il bidello, ma e' bello cio' che piace. (Ira)
Meglio una gallina oggi, che un uomo domani. (Ira).
Chi l'ha dura e' stitico. (Ira)
Volare e' utile, atterrare e' necessario. (Eros Drusiani)
Gallina vecchia fa schifo! (Elio e le Storie Tese)
Donna baffuta fa piu' schifo ancora della gallina vecchia. (Elio e le Storie Tese)
Ama il tuo prossimo: non questo, il prossimo!
Gallina vecchia si fa il lifting
Tanto va il lardo al gatto che ci lascia lo zampone
Meglio una gallina oggi che fa l'uovo anche domani
Il danaro non e' tutto, ci sono anche i diamanti (Paperon de' Paperoni)
Al cuor non si comanda (Ma se non obbedisce, trapiantalo)
Beati gli ultimi se i primi sono onesti
I tonti cornano
Non fare oggi quello che potresti fare dopodomani
Casa mia per piccina che tu sia, mi costi una cifra in tasse
La salma e' la virtu' dei morti (Alessandro Bergonzoni).
L'erba del vicino sara' pure piu' verde, ma la tua te la fumi
Can che abbaia lo sbattono fuori dal condominio
Can che abbaia non dorme
La gatta frettolosa fece i gattini ciechi; quella lenta fini' sotto una macchina.
Errare e' umano, muggire e' bovino
Errare humanum est, perseverare ovest.
Errare e' umano, perseverare e' upiede
Il fine giustifica i mezzi; il rozzo se ne sbatte i coglioni.
"Non tutti i mali vengono per nuocere" come disse il dottore al malato.
A tavola e a letto nessun rispetto (proverbio italiano).
In vino veritas, in scarpe Adidas.
L'uomo e' il capo della famiglia, ma la donna e' il collo e muove il capo dove vuole (Proverbio cinese ).
L'imbecille cade sulla schiena e si sbuccia il naso. (Proverbio Yiddish).
Non esistono donne brutte. Dipende solo da quanta vodka bevi (proverbio russo).
Partire e' un po' morire, ma morire e' partire un po' troppo...
Se a mezzogiorno il re ti dice che e' notte fonda, tu contempla le stelle (proverbio persiano).
Tra il dire e il fare c'e' di mezzo "e il"
A capel donato non si guarda in crocchia
L'ormone fa la forza
Moglie e bue sono corna tue!
Meglio sordi che R.A.I.
Accampa cavillo che l' I.R.P.E.F. cresce
Rode bene chi rode ultimo
Chi dorme non figlia pesci
Chi tardi arriva e' gia' a meta' dell'opera

Dal Web

Piazza delle Lune